Aprire Venere. Nudità, sogno, crudeltà Georges Didi-Huberman

ISBN: 9788806159689

Published: 2001

Paperback

106 pages


Description

Aprire Venere. Nudità, sogno, crudeltà  by  Georges Didi-Huberman

Aprire Venere. Nudità, sogno, crudeltà by Georges Didi-Huberman
2001 | Paperback | PDF, EPUB, FB2, DjVu, AUDIO, mp3, ZIP | 106 pages | ISBN: 9788806159689 | 5.16 Mb

La Nascita di Venere, il celebre dipinto di Sandro Botticelli conservato agli Uffizi di Firenze, venne commissionato al pittore verso il 1484 da Lorenzo de Medici, il piú grande mecenate del tempo, per adornare una sua residenza. Il quadro è daMoreLa Nascita di Venere, il celebre dipinto di Sandro Botticelli conservato agli Uffizi di Firenze, venne commissionato al pittore verso il 1484 da Lorenzo de Medici, il piú grande mecenate del tempo, per adornare una sua residenza. Il quadro è da allora entrato stabilmente a far parte dellimmaginario collettivo come la più perfetta rappresentazione degli ideali umanistici, sintesi esemplare del «ritorno degli antichi dèi» e della pura bellezza classica del nudo.Attraverso un approfondito riesame delle fonti letterarie e originali accostamenti culturali, Georges Didi-Huberman guida in questo saggio il lettore in tuttaltra direzione, portandolo a scoprire come nel Quattrocento limmagine della nudità celasse al proprio interno sensazioni impure, inquietanti e minacciose, tutti elementi che le letture canoniche del dipinto hanno deliberatamente tralasciato o occultato.

La nudità di Venere viene cosí «aperta» e ricondotta alla sua natura contrastata, mitologica e realistica, morale e sessuale al tempo stesso, attraverso unindagine che coinvolge fonti e riferimenti ad ampio raggio, sia cronologico che tematico. Lautore analizza in successione altre opere di Botticelli, come i quattro pannelli con la crudele storia di Nastagio degli Onesti, narrata da Boccaccio nel Decameron, e lautobiografica Calunnia, la lettura «apocalittica» di Savonarola, che incendiava allora Firenze con i suoi sermoni, e approfondisce al tempo stesso il tema «spinoso» della nudità facendo riferimento, tra gli altri, a Freud, Bataille, Sade e alle indicazioni di Warburg e Wind.Con questo studio originale, che non manca di soffermarsi anche sulle cere anatomiche settecentesche conservate a Firenze, Didi-Huberman svela al lettore lambivalenza costante e ineliminabile che caratterizzò lUmanesimo mediceo e la natura duplice, perturbante e umanissima di ogni nudità.



Enter the sum





Related Archive Books



Related Books


Comments

Comments for "Aprire Venere. Nudità, sogno, crudeltà":


martasolinska.pl

©2008-2015 | DMCA | Contact us